Opere minori 1 (Ariosto)/Rime varie/Sonetto XVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XVII

../Sonetto XVI ../Sonetto XVIII IncludiIntestazione 5 gennaio 2016 100%

Rime varie - Sonetto XVI Rime varie - Sonetto XVIII
[p. 300 modifica]

Sonetto XVII.1


     Chiuso era il sol da un tenebroso velo,
Che si stendea fin all’estreme sponde
Dell’orizzonte, e mormorar le fronde
4S’udíano e tuoni andar scorrendo il cielo.
     Di pioggia in dubbio o tempestoso gelo,
Stav’io per gire oltre le torbid’onde
Del fiume altier che ’l gran sepolcro asconde
8Del figlio audace del signor di Delo;
     Quando apparir sull’altra ripa il lume
De’ be’ vostr’occhi vidi, e udii parole,
11Che Leandro potean farmi quel giorno:
     E, tutto a un tempo, i nuvoli d’intorno
Si dileguaro, e si scoperse il sole,
14Tacquero i venti, e tranquillòssi il fiume.


Note

  1. Il Baruffaldi esercitò sopra questo Sonetto la sua fantasia, scrivendo: «Dipinge sè stesso in riva del Po. dubbioso di passar il fiume, per essere il cielo torbido e procelloso; ma all’apparire della sua ninfa sulla riva di là, dice che dileguaron le nubi e tornò il ciel sereno. La ninfa eragli probabilmente venuta incontro al passaggio del Po, giacchè la casa Strozzi aveva appunto poderi in Gurzone e Occhiobello, due ville, situate alla sinistra del fiume: vedesi adunque che sin d’allora (cioè prima del 1513) aveva Lodovico concepita per Alessandra qualche geniale inclinazione.» Vita ec., pag. 152.