Opere minori 2 (Ariosto)/Commedie in versi/I Suppositi/Prologo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prologo

Opere minori 2 (Ariosto)/Commedie in versi/I Suppositi ../Atto primo IncludiIntestazione 5 agosto 2015 75% Da definire

Commedie in versi - I Suppositi Commedie in versi - Atto primo
[p. 216 modifica]

PROLOGO.


Che talora i fanciulli si suppongano1
A nostra etade, e per addietro siano
Stati non meno più volte suppositi;
Oltre che voi l’abbiate nelle fabule
Veduto, e letto nell’antique istorie,
Forse è qui alcuno che in esperïenzia
L’ha avuto ancor. Ma che li vecchi siano
Similmente dai giovani suppositi,
Nuovo e strano vi dee parer certissima-
mente: e pur, anco i vecchi si suppongono.
Ma voi ridete? Oh, che cosa da ridere
Avete da me udita? Ah, ch’io m’immagino
Donde cotesto riso dee procedere.
Voi vi pensate che qualche sporcizia

[p. 217 modifica]

Vi voglia dire o farvene spettacolo:
Chè se veder voi vi aspettassi o intendere
Alcuna cosa di virtù, starebbonvi
Più gli occhi bassi e più la bocca immobile,
Che a savie spose allora che si sentono
In pubblico lodar con bello esordio.
E questo mostra ben che non sête anime
Sante; perchè mai non veggiamo ridere
Se non a quelle cose che dilettano.
Ma non sono io sì indiscreto, che al minimo
Uomo di voi pensassi, non che a un popolo,
O dire o mostrar cosa reprensibile.
E bench’io parli con voi di supponere,
Le mia supposizioni però simili
Non sono a quelle antique che Elefantide2
In diversi atti e forme e modi varii
Lasciò dipinto, e che poi rinnovate si
Sono a’ dì nostri in Roma santa, e fattesi
In carte belle, più che oneste, imprimere,3
Acciò che tutto il mondo n’abbia copia:
Nè son simili a quelle che i fantastichi
Sofisti han ritrovate in dïalettica.
Questa supposizion nostra significa
Quel che in volgar si dice porre in cambio.
Io v’ho voluto esplicare il vocabolo,
Per tôrvi il pensar male; e farvi intendere,
Che non vi sête apposti. Or dal supponere
Che qui faremo de’ vecchi e de’ giovani,
La Commedia avrà nome Li Suppositi;
La qual se ascolterete con silenzio,
Vi potrà dar col suo nuovo supponere
Non disonesta materia da ridere.




Note

  1. Abbiasi per ripetuta la nota da noi posta al principio della Commedia di egual titolo, in prosa.
  2. Forse il libro di cose veneree composto da questa cortigiana, fregiato di pitture allusive. — (Molini.)
  3. Allude alle figure lascive incise dal Raimondi sui disegni di Giulio Romano, per esser poste a rincontro di certi infami sonetti dell’Aretino. — (Molini.)