Opere minori 2 (Ariosto)/Commedie in versi/La Scolastica/Prologo secondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prologo secondo

../Prologo primo ../Atto primo IncludiIntestazione 9 agosto 2015 75% Da definire

Commedie in versi - Prologo primo Commedie in versi - Atto primo
[p. 427 modifica]

PROLOGO

COMPOSTO DA VIRGILIO ARIOSTO.1


Vengo a voi solo per farvi conoscere
Il nome dell’autor di questa fabula,
Che La imperfetta con ragion si nomina;

[p. 428 modifica]

Per ciò ch’ebbe principio dal medesimo
Autore che ci diede la Cassaria,
La Lena, il Negromante e li Suppositi:
Le quai commedie esser note vi debbono.
Ora questa così imperfetta, avendola
L’autor lasciata, con gli altri ben mobili,
Al figliuolo, da lui come carissima
Sorella fu accettata: indi fece opera
Di farle fare un fine che al principio
Fosse corrispondente; ma successegli
Diversamente dal suo desiderio;
In modo tal che gli fu necessario
Pigliar la penna, e farsi anch’egli comico.
E così, mentre ch’egli di amorevole
Cerca d’aver il nome, qual è l’animo
Suo, egli è ben come certissimo (sic)
D’averlo d’arrogante e temerario,
Che ardisca di por man ne la commedia
De l’Arïosto, che è stato al mondo unico
A’ tempi nostri. Oh come egli è difficile
Il potersi salvar da le calunnie!
Ma per lui ora mi piace rispondere
E dirvi, che se ben sappiam che debole
È il suo saper, a paragone massima-
mente di un tanto autor e di un tal spirito;
Pur, perchè alcuna volta vediam mettere
Gamba di legno o man di ferro agli uomini;
Le quali, ancor che sian tanto dissimili,
Parmi non sol che non acquistin biasimo
Ai facitori, ma ben laude e gloria,
Come quelle che rendano il corpo abile
A molte cose, a’ quai (sic) senza esse inutile

[p. 429 modifica]

Saría del tutto: adunque la causa eccovi
Che l’indusse a finir questa Commedia.
Or parmi esser qui molti che vorrebbono
Sapere dove insieme si congiungano
Le parti de l’autor primo e de l’ultimo.
Ve lo direi volentieri; ma impostomi
Ha questo nuovo autore ch’io stia tacito,
Per esser qui persone di giudizio
Grande e d’ingegno, a’ quai darei da ridere
S’io lor dicessi quello che chiarissimo
Da sè si mostra. Oltra che, dir potrebbono:
— Vedi quanta esser debbo l’ignoranzia
Di costui, come sciocco, che si reputa
Che da noi stessi non siam per discernere
Il ner dal bianco! — E perchè il ver diríano,
Egli vi priega, e vel dimanda in grazia,
Che scusar lo vogliate; promettendovi
Che avrete gran piacer di questa fabula,
Né recitata mai, nè molto simile
A l’antiche di Plauto o di Terenzio.
Siategli, dunque, grati e favorevoli,
Stando ad udire il tutto con silenzio.




Note

  1. Questo Prologo trovasi stampato dal Barotti, nelle sue Dichiarazioni alla Commedia La Scolastica (Opere di L. Ariosto, tomo V); ed è a maravigliare, che dal 1766 in qua, nessun altro editore abbia voluto accompagnarlo a quello che leggesi in tutte le stampe, ed è fattura non di Lodovico, ma di Gabriele Ariosto. L’erudito che sopra nominammo, ne possedeva un esemplare «di proprio carattere» di Virginio; il quale non questa sola fatica avéa presa per onorare, come studiò sempre, la memoria dì suo padre, ma le parti mancanti della Scolastica avéa prima composte in prosa, poi ridotte anche in versi, dopo avere inutilmente di ciò pregato Giulio Guarini da Modena (vedasi il Baruffaldi, Vita ec. , pag. 116; e la nota del Barotti summentovata): ma questa continuazione, della quale ognuno sentirà come noi desiderio, «o andò a male, — come il primo editore scriveva, — o giace ignota o negletta.»