Oreste (Euripide - Romagnoli)/Parodo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Parodo

../Prologo ../Primo episodio IncludiIntestazione 2 dicembre 2019 75% Da definire

Euripide - volume V
Oreste
(408 a. C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1930)
Parodo
Prologo Primo episodio

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I poeti greci tradotti da Ettore Romagnoli

Indice dell'opera, volumi I / VI

[p. 145 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0146.png


Entra il Coro.


CORIFEA
Strofe I
Cheta sta, cheta, non fare strepito,
del tuo calzare lievi sian l’orme.
ELETTRA
alle sue compagne
Lungi dal luogo state ov’ei dorme.
CORIFEA
Ecco, ai tuoi detti ottémpero.
ELETTRA
Sia come l’alito di giunco tenue

su la sampogna tua voce lene.

[p. 146 modifica]

CORIFEA
Odimi, come di canna fievole
levo la voce.
ELETTRA
                                   Cosí va bene.
Avanza, avanza senza rumore, senza rumore.
E dite perché qui veniste: il misero
alfine giace, immerso è nel sopore.
CORIFEA
Antistrofe I
Qual’è il suo stato, mia cara? Diccelo.
ELETTRA
Che mal, che bene dir posso? Poco
respira, esala gemito fioco.
CORIFEA
Che mai, che dici, o misera?
ELETTRA
Tu gli dài morte, se dal suo ciglio

scuoti il dolcissimo del sonno oblio.

[p. 147 modifica]

CORIFEA
Deh, sventurato, che fato orribile,
che sorte orribile t’inflisse un Dio!
ELETTRA
Ingiusto ingiusto parlò il fatidico Dio dell’ambage,
allor che a noi dal tripode di Temide
impose la materna orrida strage.
CORIFEA
Strofe II
Vedi? Sotto il suo manto il corpo s’agita.
ELETTRA
Con le tue grida, l’hai
tu risvegliato, o misera!
CORIFEA
Che dormisse io pensai.
ELETTRA
Questo frastuono smettere
non vuoi, da questo tetto

lontano il tuo pie’ volgere?

[p. 148 modifica]

CORIFEA
Se dorme!
ELETTRA
Il vero hai detto. —
O sacra, o sacra notte,
che il sonno doni ai miseri mortali,
dalle tartaree grotte
ai tetti d’Agamènnone
volgi, deh, volgi l’ali.
Ché noi, fra le sciagure e fra gli spasimi
perduti siam, perduti. — Oh, quale strepito?
Cara, vuoi far silenzio?
Della tua bocca il murmure canoro
rattieni, ch’ei del sonno goda il dolce ristoro.
CORO

Antistrofe II
Dí: qual sarà di sue sciagure il termine?
ELETTRA
Quale esser può? La morte:
ché cibo ei non desidera.
CORO

Ben chiara è la sua aorte.

[p. 149 modifica]

ELETTRA
Ci sterminava Apòlline,
Oreste e me spingendo
il matricidio a compiere.
CORO
Fu giusto atto, ed orrendo.
ELETTRA
Uccidesti, ed uccisa
fosti, o mia madre: il tuo consorte, e questi
tuoi figli, ch’ora, a guisa
di cadaveri giacciono, a sterminio adducesti.
Che tu sei fra i defunti; e del mio vivere
passa la piú gran parte in grida, in gemiti,
ed in notturne lagrime.
Viver, misera me, dovrò in eterno

senza nozze conoscere, senza affetto materno.

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0150.png