Oreste (Euripide - Romagnoli)/Prologo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Prologo

../Personaggi ../Parodo IncludiIntestazione 2 dicembre 2019 75% Da definire

Euripide - volume V
Oreste
(408 a. C.)
Traduzione dal greco di Ettore Romagnoli (1930)
Prologo
Personaggi Parodo

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta I poeti greci tradotti da Ettore Romagnoli

Indice dell'opera, volumi I / VI

[p. 137 modifica]

Tragedie di Euripide (Romagnoli) V-0138.png

ELETTRA
Niuna parola v’è tanto terribile,
nessuna traversia, nessuna doglia
suscitata dai Numi, onde non debba
reggere il peso la natura umana.
Tantalo infatti, il fortunato — oltraggio
non faccio al suo tristo destino — il figlio,
come dicon, di Giove, in aria sta
sempre sospeso, e temer deve il sasso
che gli pende sul capo, e questa pena
sconta, dicon, perché della celeste
mensa, ei mortale, ebbe l’onore, e freno
alla lingua non pose: vizio turpe
quanto altro mai. Costui generò Pèlope,
e da Pèlope Atrèo nacque, per cui
la Parca, quando gli tessea lo stame,
la discordia filò, ché con Tieste
venisse a lotta, col fratello suo.
Ma che vo’ questi orrori enumerando?
Gli uccise i figli, e a banchettare Atrèo
l’invitò. Poi d’Atrèo — quanto seguí
non dico — nacque il celebre Agamènnone,
se celebre esso è pur, Menelao nacque:

[p. 138 modifica]

Èrope la cretese a lor fu madre.
E Menelao sposò la donna, invisa
ai Numi, Elena; e il principe Agamènnone,
di Clitemnèstra il talamo, famoso
fra gli Ellèni, salí: qui tre fanciulle,
Ifigenia, Crisòtemi ed Elettra,
che sono io stessa, ed un fanciullo, Oreste,
nacquero a lui da quella sposa empissima,
che nei lacci di rete inestricabile
poi lo cinse e l’uccise; e per qual causa,
dire a fanciulla non conviene; oscuro
lascio tal punto, ad altri che l’indaghino.
Or, d’ingiustizia incriminare Febo
lecito è forse? A uccidere la madre
onde pur nacque, Oreste egli convinse:
opra a cui tutti dar lode non possono.
Pure al Nume ubbidí, morte le inflisse.
Ed io partecipai, quanto una donna
potea, la strage; e Pilade con noi
compiè lo scempio. Ma dal morbo oppresso
Oreste ora è, consunto; e sopra il letto
piombato, giace; e della madre il sangue
col delirio lo incalza: il nome esprimere
delle Dive benigne onde atterrato
fu nella lotta, non ardisco. Il sesto
giorno questo è, da che la madre spenta
purificata fu sui fuòco; e cibo
non passò per le sue fauci, lavacro
il corpo suo piú non toccò. Ravvolto
nel suo mantello, allor che tregua ha il male,
in senno torna, e piange, e dalle coltri

talor s’avventa, in furiosi giri,

[p. 139 modifica]

come puledro libero dal giogo.
Ed Argo, dove siamo, ha decretato
che niuno in casa sua, che niuno all’are
noi matricidi accolga, o ci favelli.
E il giorno è questo designato, in cui
Argo dovrà deliberar se spenti
cader dovremo sotto i sassi, o infiggerci
di nostra mano l’affilata spada
dentro la gola. Un’unica speranza
di non morir ci resta: è giunto in questa
terra, da Troia, Menelao: nel porto
di Nauplia venne la sua flotta, approdo
fece a quei lidi, dopo un lungo errare
per i flutti del mare. E mandò Elena
calamitosa, in casa nostra, l’ore
della notte cogliendo, affinché i figli
di quei che cadder sotto Ilio, vedendola
per via di giorno, non la lapidassero.
Ed in casa ora ella è, che la sorella
e la sciagura della stirpe lagrima.
Eppur, qualche sollievo ha dei suoi mali,
che la fanciulla che lasciò, quand’ella
a Troia s’involò, che Menelao
da Sparta ad Argo addusse, e l’affidò,
per educarla, alla mia madre, Ermíone.
l’ha qui trovata, e se ne allegra, e i mali
pone in oblio. Verso ogni strada or guardo,
cerco se giunge Menelao: che deboli
le nostre forze son troppo, qualora
ei non ci salvi. Manca ad una casa

colpita da sciagura, ogni sostegno.

[p. 140 modifica]

Dalla reggia esce Elena.


ELENA
Figlia di Clitemnestra e d’Agamènnone,
tu che da tanto sei fanciulla, Elettra,
come, o infelice, matricida Oreste
sciagurato con te divenne? Macchia
se teco io parlo, non mi tocca, quando
spetta la colpa a Febo. E intanto, piango
di Clitemnestra, della suora mia
la trista sorte: ch’io, dal df che a Troia
navigai, come navigai, sospinta
da celeste follia, piú non la vidi,
e, privata di lei, piango il suo fato.
ELETTRA
Elena, a che dovrei pur dirti quello
che da te vedi, in che sciagure sono
d’Agamènnone i figli? Io seggo qui,
custode insonne a questo morto misero:
che morto è già, tanto n’è lieve l’alito:
non dico i mali suoi: sarebbe oltraggio.
Ma tu felice, il tuo sposo felice
giungete a noi, fra tanti mali immersi.
ELENA
Da quanto tempo esso nel letto giace?
ELETTRA

Da quando il sangue materno versò.

[p. 141 modifica]

ELENA
Misero! E madre misera! Che morte!
ELETTRA
È tanto grave il mal, ch’io ne dispero.
ELENA
Vuoi seguire in un punto il mio consiglio?
ELETTRA
Quando il conceda questa mia custodia.
ELENA
Gir vuoi per me di mia sorella al tumulo?
ELETTRA
Di mia madre, tu dici? Ed a qual fine?
ELENA
Le mie chiome a recare, i miei libami.
ELETTRA

Chi ti vieta alla tomba ir dei tuoi cari?

[p. 142 modifica]

ELENA
Agli Argivi mostrarmi, io n’ho vergogna.
ELETTRA
Tardi assenni: a disdoro un dí fuggisti.
ELENA
Saggio parlare è il tuo, ma non benevolo.
ELETTRA
E che vergogna hai tu dei Micenèi?
ELENA
Temo i padri di quei che ad Ilio caddero.
ELETTRA
Terribilmente in Argo a te s’impreca.
ELENA
Va’ tu per me: dal timore affrancami.
ELETTRA

Mirar potrei della mia madre il tumulo?

[p. 143 modifica]

ELENA
Pur non conviene a servi un tale ufficio.
ELETTRA
Perché non mandi la tua figlia Ermfone?
ELENA
Tra la folla sconvien muovere a vergini.
ELETTRA
Renderebbe mercede a chi la crebbe.
ELENA
Tu dici bene, e il tuo consiglio io seguo:
mia figlia manderò: tu dici bene. —
Esci di casa, o mia figliuola, o Ermione.
Esce la fanciulla Ermione.
Questi libami e queste ciocche prendi
dalle mie mani, ed alla tomba recati
di Clitemnestra, e latte a miei commisto
versaci, e spuma di purpureo vino,
e del tumulo stando in su la vetta
parla cosí: «Questi libami t’offre
Elena, tua sorella: al tuo sepolcro
non venne, per temer l’argive turbe».
E a me benigna, e a te volga la mente,

dille, e al mio sposo, e a questi due, che, miseri,

[p. 144 modifica]


tolse un Nume di senno; e quanti doni
funebri a mia sorella offrire io devo,
fa’ di tutti promessa. O figlia, in fretta
muovi, i libami su la tomba effondi,
e súbito al ritorno abbi pensiero.
Ermione si allonlana. Elena rientra nella reggia.

elettra

O istinto, che gran mal sei tu per gli uomini,
e che ben, quando retto sei! Vedete
come recise ha le sue chiome agli apici,
per conservar la sua bellezza? È sempre
la stessa donna. I Numi t’aborriscano, V
che tu sei stata la rovina mia,
e di costui, di tutta quanta l’EUade.
Si avanza il coro, composto di donne argive
coetanee di Elettra.
Misera me! Ma vedi che s’avanzano
queste dei lagni miei compagne care.
Forse il fratello mio che calmo posa
risveglieranno, e faran sf che il ciglio
mio di pianto si bagni, allor ch’io vedo
il mio fratello delirare. — O donne
dilettissime, il pie’ lieve movete,
rumor non fate, calpestio non s oda.
Cara amica mi sei; ma se dal sonno
desti il fratei, sarà sciagura grande.