Oreste (Alfieri)/Atto quarto/Scena terza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Atto quarto

Scena terza

../Scena seconda ../Scena quarta IncludiIntestazione 30 luglio 2010 75% Teatro

Atto quarto - Scena seconda Atto quarto - Scena quarta

Elettra, Clitennestra, Egisto.

Elettra
Oreste a morte? oh ciel, che veggio! O madre,
a morte trar lasci il tuo figlio?
Clitennestra
Il figlio?...
Egisto
Oreste? in Argo? in mio poter? tra quelli?
Oreste? Oh gioja! Guardie...
Clitennestra
Il figlio!
Elettra
Ahi lassa!
ah! che diss’io?
Egisto
Correte; al mio cospetto
ritornin tosto; ite, affrettate il piede,
volate. Oh gioja!
Elettra
Io l’ho tradito! io stessa!
Clitennestra
Il figlio mio! - Crudel, se tu me pria
non sveni, trema...
Egisto
In Argo, entro mia reggia,
perfida donna, il mio mortal nemico
introduci, nascondi?
Elettra
Erale ignoto
non men che a te: fu mio l’inganno.
Egisto
E d’ambe
sará la pena.
Clitennestra
Ah! no; me sola togli
di vita, me; ma i figli miei...
Egisto
D’Atride
gl’iniqui avanzi? ah! non mi cape in seno
dalla letizia il core. Oggi, d’un colpo,
spenti fien tutti... Ma tornar giá veggio
i traditori: eccoli. Oh fausto giorno!