Ottobre

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Alfredo Cesareo

Francesco Paolo Frontini 1883 O Canti cantastoria Ottobre Intestazione 27 settembre 2008 75% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Il mio core è a te daccanto,
Il mio core quì non è:
M'empie gli occhi a un tratto il pianto,
E non so non so perchè.

2Triste è ottobre, e l’aria è scura:
Tace inerte la città:
Un presagio di sventura
Fitto in animo mi stà.

3Su le vie di pioggia lustre
Fioco trema a specchio il sol,
E l’angel con cura industre
Su le torri posa il vol.

4Ma 'l tuo labbro roseo e infido
È un cespuglio sempre in fior,
Dove fanno i baci il nido,
Dove il nido fa l'amor.

5O diletta, io t'amo tanto
Ma, se tu sorridi a me,
M’empie gli occhi a un tratto il pianto,
E non so, non so perchè.

Musica di Francesco Paolo Frontini, ed. A. Pigna, Milano 1883