Pagina:Çittara zeneize 1745.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


III.
Hò dito tanto, che son tosto frusto,
Vergine; e pù tra mi reconosciúo,
Conoscio, che dro tempo, che hò perduo,
Atro a ra fin no n’hò che ro desgusto.

Tiranno m’ha ghiao boxardo e ingiusto,
Che con lesca d’inganni m'ha pasciúo:
Donna hò seguío, chi m’ha fin chì venduo:
Mondo, chi m’ha zœumoǽ frusto e refrusto.

E quando è bezugnao cangiâme in versi
In villan e in pescao, fæto hò de pezo,
Per gusto aora dro senso, aora dri terçi.

Così de dì in dì sempre a ra pezo,
Tra centi e canti a l’ære aora despersi,
Vergine, amarelæde in pê me rezo.