Pagina:Çittara zeneize 1745.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


VIII.
Quello Sô, che ro Çê tutto iñamora,
Che dapertutto in luxe se comparte,
Tutto in ro tutto, e tutto in ogni parte,
Adorao, non capío fin’a quest ora,

Con raggio de brevissma demora
Scrita o ne farà vei comme in desparte
De vostra man tra quelle eterne Carte
Zena, donde Maria tanto s’onora.

E in ciappa de finissimo diamante,
Mentre bogge l'Italia in tanti críi,
De ciaghe e d’ogni mâ tutta abondante,

Da guerre e peste in vostra graçia uscíi,
O ne registrerà con man stellante
In governo perpetuo stabilíi.