Pagina:Çittara zeneize 1745.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


IX.
In governo perpetuo stabilíi,
Chì statue dedichǽ, là voti appeixi
A Maria protettriçe dri Zeneixi
Se viran dapertutto reveríi.

Stupidi d’attrovâ sì favorii,
Così cari a ro Çê questi paeixi,
Ri forestê staran comme sospeixi,
Da lagrime d’affetto inteneríi.

Tra tenti voti, appeizo a un pedestallo
Un che ciù fisso ve starà mirando,
Maria, quello è Gian-Giacomo Cavallo.

Dre lascivie dri versi sospirando,
Scuza (o dixe) Signora, ogni mæ fallo
Sciù l'ora estremma, che no sò ro quando.


Fine della Corona Sacra.