Pagina:AA.VV. - Commedie del Cinquecento, Vol. I, Laterza, 1912.djvu/328

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
320 gl’ingannati

arricchirmi d’uova. Qualche nuova cosa m’interverrá oggi; che non mi fanno mai questa cantèppola che, quel di, non senta o non m’avvenga qualche cosa mal pensata.

Virginio. Costei debbe testé parlar con gli angeli o col beato padre guardiano di Santo Francesco.

Clemenzia. Ed un’altra cosa m’è avvenuta, che anco di questo non so che me ne indovinare: ben ch’el mio confessore mi dica ch’io fo male a por mente a queste cose e dar fede alli augúri.

Virginio. Che fai, che tu parli cosí drento a te? Egli ha pur passata la befania.

Clemenzia. Oh! Buon di, Virginio. Se Dio m’aiuti, ch’io mi venivo a stare un pezzo con voi. Ma voi vi séte levato molto per tempo. Voi siate il ben venuto.

Virginio. Che dicevi cosí fra’ denti? Pensavi forse di cavarmi di mano qualche staiuol di grano o qualche boccal d’oglio o qualche pezzo di lardo, come è tua usanza?

Clemenzia. Si certo! Oh che liberalaccio da cavargli di mano! E forse che fa massarizia pei suoi figliuoli?

Virginio. Che dicevi adunque?

Clemenzia. Dicevo ch’io non sapevo pensare quel che si volesse dire che una gattina bella, ch’io ho, che l’ho tenuta quindici di perduta, questa mattina è tornata; e, poi ch’ella ebbe preso un topino nel mio camarin buio, scherzando con esso, mi riversciò un fiasco di tribiano che me lo aveva dato il predicator di San Francesco perch’io gli fo le bocate.

Virginio. Cotesto è segno di nozze. Ma tu vuoi dir ch’io te ne desse un altro, è vero?

Clemenzia. Cotesto è vero.

Virginio. Or vedi s’io so’ indivino! Ma che è di Lelia, la tua allieva?

Clemenzia. Eh! povera figliuola, quanto era meglio ch’ella non fusse mai nata!

Virginio. Perché?

Clemenzia. Perché, dici, ch? Gherardo Foiani non va dicendo per tutto che gli è sua moglie e che gli è fatto ogni cosa?

Virginio. Dice il vero. Perché? Non ti par forse ch’ella sia