Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 vii - cecco angiolieri

XLII

Amore è padre d’ogni buona qualitá.

Qualunque ben si fa naturalmente
nasce d’Amor, come del fior el frutto,
ché Amor fa l’omo essere valente;
4ancor fa piú, ch’e’ nol trova si brutto,
che per lui non si adorni a mantinente,
e non par esso poi, si ’l muta tutto;
dunque pò’ dicer bene veramente
8che chi non ama sia morto e distrutto.
Ch’orno vai tanto, quanto in sé ha bontate,
e la bontá senza Amor non pò stare:,
11dunque, ben ho eo usato vertate.
Or va’, sonetto, senza dimorare,
a tutti innamorati e innamorate,
14e di’ lor che Becchina ti fa fare.

XLIII

Ben avventurato è chi ama.

Chi non sente d’Amor o tant’o quanto
in tutt’i tempi che vita li dura,
cosí dé’ esser sotterrai’ a santo,
4come colui, che non rendè l’usura:
ed e’ medesmo si pò dar un vanto
che Dio co’santi l’odia oltre misura;
ma qual è que’, che d’Amor porta manto,
8e’ pò ben dir che gli è pretta ventura.
Però ell’Amor è si nobile cosa,
che, s’elli entrasse ’n colu’de lo’nferno,
11che non ebb’anch’e non dé’aver posa,
pena non sentirebbe ’n sempiterno:
la vita sua saria piú gioiosa,
14che non rubaldo a l’uscita del verno