Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 xxii - ser cecco nuccoli

VI

Si strugge di non vedere l’oggetto del suo amore.

Po’che nel dolce aspetto abbandonai,
e legai l’alma nei vostre costume,
o signor, de mia vita guida e lume,
4prima ch’io mòra vederovv’io mai?
Io me panie da voi e ’l cor lassai,
onde convèn che sempre io me consume;
e, ben ch’io sparga de lagreme fiume,
8pianger non posso, che me paia assai.
Non sera mai piager, che mi contente,
né ch’ai dogliose spirte done pace,
11fin ch’io non veggio voi, signor verace.
Ma questa angossa, che cosí me sface,
signore, or ve ricorda il cor servente:
14che, poi ch’è vostro, non v’esca de mente.

VII

Si duole d’una troppo fugace visione della persoi a amata.

Questo saper ti fo, signor mio caro,
che, mentr’io viverò, si serò vostro,
si gran conforto mi déste nel chiostro,
4quando i vostr’occhie verso me miráro.
Ma’ lo beccaste quel dolore amaro,
el qual saper ti fo senza dimostro!
Ma per lo star, dico, d’un paternostro
8loco staesti, e puoi te ne celáro.
Vostra partita mi fe’ tanta noia,
ch’io star di sotto con gli altre non podde,
11ma anda’mi a riposare in su la loia.
Femme a un sentiere, e vidde casa gli Odde
e dissi: — O Dio, tu mi par’ben bellerco,
14s’a mala morte no uccide quel chierco! —