Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 lirici marinisti

ANTONIO BRUNI


I

IL LUOGO DEI PASSATI AMORI

     Sotto l’ombra di quelle edre tenaci
che l’olmo han con piú viti avvolto e cinto,
la mia vita al mio cor temprò le faci,
con lei seno con sen qual edra avvinto.
     Di due guance godei l’ostro non finto,
qui dove aprono i fior gli ostri veraci;
s’udi confuso almeno, ov’or distinto
è ’l suon de l’aure, il mormorio de’ baci.
     Rimembro ancor con amorosa arsura
il guardo e ’l riso altrui, molle e lascivo,
nel tremolo seren de l’aria pura.
     Lasso, e mentre son io vedovo e privo
de le gioie d’amore, al cor figura
il fugace mio ben fugace il rivo.