Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/37

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

scipione caetano 31

IV

LA VECCHIA AMBASCIATRICE

Alor che immerso in tenebrosi errori
aspetto un Sol via piú del sole adorno,
veggio apparir la vecchia nunzia e intorno
seccarsi i prati e raddoppiar gli orrori.
     Ma poi che cinta di piú bei splendori
fa la luce ch’io bramo a me ritorno,
porge luce a quest’alma e luce al giorno
e raddoppia a la terra erbette e fiori.
     Quella fra noi, quasi novella Aletto,
ciò che mira avelena; e questa indora
tutto quel ch’è de’ suoi begli occhi oggetto.
     Quella spoglia il terren, questa l’infiora;
com’esser può che sia guidato e retto
cosí bel Sol da cosí brutta Aurora?

V

LA CASA DELLA DONNA AMATA

     Corinna, alor che il rimirarvi è tolto
agli occhi, che non hanno altro diletto,
le mura io miro in vece de l’aspetto,
ed — Ivi è — dico — ogni mio ben raccolto! —
     E qual si vede entro a cristallo accolto,
rinchiuso sí, ma non celato oggetto,
cosí scorge il pensiero e l’intelletto,
ben che cinto da mura, il vostro volto.
     Sí che sète, qualor voi v’ascondete,
dal corpo sí, ma non da l’alma assente;
perché a quella celar non vi potete.
     Ché ’l pensier vi figura a la mia mente,
quasi industre pittore, e sempre sète,
benché lunge dagli occhi, al cor presente.