Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/539

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

nota 533


XX. Francesco Bracciolini. — Dalla Raccolta del Guaccimanni.

Il Bracciolini pubblicò anche un vol. di Poesie liriche toscane, parte i (Roma, Grignani, 1639); cfr. M. Barbi, Notizie della vita e delle opere di F. B. (Firenze, Sansoni, 1897), pp. 138-145.

XXI. Andrea Barbazza. — Dalle Poesie de’ signori accademici fantastici di Roma (in Roma, Grignani, 1637).

Sul B. si vedano le Glorie degli Incogniti, pp. 23-5.

XXII. Antonio Fortini. — Dalla Raccolta del Guaccimanni.

XXIII. Agostino Augustini. — Dalle Naturalezze poetiche del signor Agostino Augustini da Pesaro (s. l. a., dedica da Roma, 1647).

XXIV. Marcantonio Arlotto. — Dalla Raccolta del Guaccimanni.

Sull’Arlotto, Mazzuchelli, i, 1097.

XXV. Fabio Leonida. — Dalla stessa Raccolta.

XXVI. Gherardo Saracini. — Dalla stessa Raccolta.

XXVII. Pietro Paolo Bissati. — Da Le stille d’Hippocrene, trattenimenti poetici del commend. conte Pietro Paolo Bissari il Rincorato dell’Accademia Olimpica (in Venezia, 1648, per Francesco Valvasense).

Sul B., oltre Le glorie degli Incogniti, pp. 381-3, si veda la monografia di G. Brognoligo, La vita di un gentiluomo italiano del Seicento, il conte P. P. B., vicentino: 1585-1663 (Napoli, Iovene, 1909: estr. dagli Studi di letter. ital., vii sgg.).

XXVIII. Claudio Trivulzio. — Dal Sonettiere italiano del Canini.

Il Trivulzio pubblicò un volume di Rime (Milano, 1625).

XXIX. Gianfrancesco Cormani. — Dalla Raccolta del Guaccimanni.

XXX. Ermes Stampa. — .Dal ms. della Biblioteca Casanatense, n. 3392, ff. 362-3.

Dello Stampa (1615-1647) si ha un volume di Rime (Milano, 1671): cfr. Quadrio, ii, parte i, p. 328.

XXXI. Aurelio Mancini. — Dal ms. cit., f. 359.

XXXII. D’incerto: «Il gelsomino tra le labbra». — Dalla Raccolta del Guaccimanni.

XXXIII. D’incerto: «Τά χαταμίνια». — Ms. della Biblioteca Vittorio Emanuele, n. 487 671-629, f. 121, dove ha un titolo piú volgare.

XXXIV. «Zitella romanesca». — Ibid., f. 120.

XXXV. Martino Lunghi. — Dalle cit. Poesie degli accademici fantastici.