Pagina:Agrippa - Nuove inventioni di Camillo Agrippa Milanese sopra il modo di navigare, 1595.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

[versione diplomatica]

A L L' I L L.MO  E T  R E V.MO

SIGNORE, IL SIGNOR


Agrippa - Nuove inventioni di Camillo Agrippa Milanese sopra il modo di navigare, 1595 (page 5 crop).jpg


Agrippa - Nuove inventioni di Camillo Agrippa Milanese sopra il modo di navigare, 1595(2) (page 5 crop).jpgME pare, Illuſtriſs. & Reuerendiſs. Prencipe, che ſia coſa ragioneuole di riconoſcere tutte le ſcientie prima dal grande Iddio, come cauſatore del tutto, & poi la buona educatione, & amicitie de'Spiriti gentili, ad alcuni de'quali io sò di douer molto per li buoni offitij, ch'eſſi fanno con tanta prontezza, & tanto amore, a quali non darò nome, per non entrar in adulatione. Ma dirò ſolo, benche in queſta Opera mia ſi tratti della Nauigatione per Mare, eſſerne vn'altra per Terra, nella quale non ſi truoua manco fortuna, tempeſta, naufragij nel pratticar con gli huomini di mala mente, che ſia nel Mare tra Scilla, & Cariddi a mezza notte il verno. Et però m'è parſo di dedicarla a V. S. Illuſtriſſima, accioche vegga quel che vi ſarà a propoſito per pelegrinar queſto tempeſtoſo Mare di tribulationi, & compir queſta Nauigatione vitale, quale ſoggiace a tanti pericoli. Contra ſi fatti pericoli nelle nauigationi ordinarie è aſſai profitteuole la Calamita. Ma nella nauigatione terreſtre tanto turbuenta, quanto ſi sà, è aſſai più profitteuole rimirar


[versione critica]

A L L' I L L.MO  E T  R E V.MO

SIGNORE, IL SIGNOR


Agrippa - Nuove inventioni di Camillo Agrippa Milanese sopra il modo di navigare, 1595 (page 5 crop).jpg


Agrippa - Nuove inventioni di Camillo Agrippa Milanese sopra il modo di navigare, 1595(2) (page 5 crop).jpgME pare, Illustriss. et Reverendiss. Prencipe, che sia cosa ragionevole di riconoscere tutte le scientie prima dal grande Iddio, come causatore del tutto, et poi la buona educatione, et amicitie de'Spiriti gentili, ad alcuni de'quali io sò di dover molto per li buoni offitij, ch'essi fanno con tanta prontezza, et tanto amore, a quali non darò nome, per non entrar in adulatione. Ma dirò solo, benche in questa Opera mia si tratti della Navigatione per Mare, esserne un'altra per Terra, nella quale non si truova manco fortuna, tempesta, naufragij nel pratticar con gli huomini di mala mente, che sia nel Mare tra Scilla, et Cariddi a mezza notte il verno. Et però m'è parso di dedicarla a V. S. Illustrissma, accioche vegga quel che vi sarà a propoſito per pelegrinar questo tempestoso Mare di tribulationi, et compir questa Navigatione vitale, quale soggiace a tanti pericoli. Contra si fatti pericoli nelle navigationi ordinarie è assai profittevole la Calamita. Ma nella navigatione terrestre tanto turbuenta quanto si sà, è assai più profittevole rimirar


sem-