Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/388

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
384 nota sul testo
cc. 1r-42r: Il fiore di virtù;
cc. 52v-65r: adesp. e anepigr. Deifira; incipit: Philarco trovato Palimacro piangendo dolersi il dimanda quale sia del suo male la cagione persuadendo lasciar le lacrime e cui cagione e dispiacere el dimanda: Palimacro: Legetime amantti, ecc.


13. Cod. Ital. IX . I69 (6204) (M2).

Cod. cart. sec . XV; cc. 66 più I membr. al principio; legatura veneziana in cuoio rosso con fregi d’oro; miscell. di poesie e prose volgari; contiene:

cc. 1r -33r: Petrarca, Trionfi;
cc. 33v -46v: (ti t. mano del ’700) Deifira. Dialogo di m. Leon Battista Alberti (incipit ’Legiptime amanti’; explicit ’ama e sempre amerà. adio Deifira mia ’);
cc. 47r-57v: Poesie di Michele de Vidua;
cc. 57v-66r: Tedaldini et roxe fabula (incipit ‘Non è molto tempo che ne la cità di firenze si trovò uno fornaio chiamato Tedaldino’).


14. Cod. Ital. XI.17 (7223) (M3). Cod. cart. sec . XVI; cc. 70 num. più 2 di guardia in principio e I in fine; leg. in assi di legno e pelle; contiene:

cc. 1r-29v: Vulgare Dn̅i Baptiste De Albertis (i.e. Deifira);
c. 30r: Cecus amor plerunque mortalia pectora ceca t In furiasque trahit prohgenus omne virum

M. D. IX.

cc. 31r-70v: Gio. Andrea de’ Garisendi, dialogo in 8a rima (Contrasto d’amore), preceduto dalla dedica a Lucrezia Bentivoglio (Cfr. L . FRATI, nel«Giorn. stor. d . lett. ital. t, XLIX, p. 81, e dello stesso, Rimatori bolognesi del ’400, Bologna, 1908).


Verona
Biblioteca Capitolare
15. Cod. CCCCLXXXVI (Ve1).

Bel cod. cart. sec . XV; cc. 30 scritte. Precede il testo una nota dell’antico possessore: Est meus hic codex cuius nomen Apostoli Excoriati,