Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 Le meticolose

tano carponi sul pavimento per lucidare dove un’amica appena uscita lasciò il segno delle sue suola; chi di noi non ne conosce?

Con gli anni esse diventano così esagerate nella loro passione dell’ordine e della nettezza, che non trovano più tempo per null’altro. Il loro orizzonte, come disse una scrittrice americana, termina al tappetino del loro uscio.

La meticolosità è uno di quegli astringenti che tolgono ai caratteri ogni succo vitale e li inaridisce così da non renderli più capaci di nessun grande sentimento. Essa conduce dritto dritto alla pedanteria, all’avarizia, all’egoismo e all’intolleranza.

Badiamo, una donna ordinata è una fortuna per una casa perchè l’ordine è bellezza, ed è la prima e più sicura economia. Com’è dolce vivere in una casa ordinata! Bisogna educare all’ordine le fanciulle che non possiedono di natura questa virtù; poichè, lo sapete che si nasce ordinati o no. Nella stessa famiglia, allevate allo stesso modo, vissute sempre insieme, dormendo nella medesima camera, vestendosi con abiti eguali, voi vedrete due sorelle, una tutta precisione e l’altra trascurata.

154 Le meticolose