Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/238

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
196 Le piccole virtù

bligarci a fare una cosa che non possiamo soffrire, o ad occuparci di una persona che ci è antipatica? Come si fa, dico, a non rispondere con un: «Auf! eccomi!» sgarbato, o anche con una spallucciata a una persona seccante? Come si fa a pretendere che si vada a tavola col viso allegro, o si ascolti con interesse un racconto inconcludente, o si sorrida a una grulleria?

Eppure... eppure c’è chi lo fa, e non per bontà istintiva: c’è chi, appunto in quei momenti, e anche in altri di più seri e più gravi tristezze, dà una risposta mite, fa un atto cortese o china il capo in silenzio a lasciar passar la bufera.

Perchè non lo faremo anche noi? Se è tanto difficile, come è degno di una creatura intelligente, forte e buona lo studiare per riuscirvi!

* * *

Ma vediamo ancora che cosa dice l’opuscoletto.

«Le piccole virtù si esercitano come contro «voglia» — oh, lo sappiamo noi! — «perchè

196 Le piccole virtù