Pagina:Alcune lettere delle cose del Giappone. Dell'anno 1579. insino al 1581, 1584.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


<4 IETTERÀ venerale acciocbe acquifiandofi lavittoria, refi affé con maggior riputatone, ir bonore: ir egli fare tito come perfuo confegliero.La feconda codinone fù, chaucndo egli l’ajfanto delia guerra Jopra di fe ( come efiiv dettano ) che nelle cofe neccffaneancor loro tutti l’obedijfero, coji il % come quelli delfuo Confcglio, mettendo in efecutione ciò ch’egli fi fe; ch’altamente facendo il contrario,fe ne Jan tornatofubilo, Mccettornotutti quefle conditwm* cofi jubito ordinò.* che tremila Joldati > epe J nano invn certo luogo, fivniffero con altri quattro trilli a, che ftauano in guardia d’vna fortet i e quefio confcglio parue a tutti molto a promftXO. Hora tutti due,igUnuouo ÌT ilvecchioFefifìanno preparando, per andare in perfona ada guerra; Ci ipera, che con quefla andata le cofe iranno meg io tffihaurd la "vittoria con l’aiuto di T^S. iddio. Quefle fono le cofe, che mi fi oferifeono di Fungo } ijfe ben paiono ferine dijfufamente,tuttauia ho tardato molte cofe particolari, per non effer frollilo, delle quali sò chauriano gufata non poco i nojin cardimi fratelli di Europa. in quefle parti del Ximo,viè anco (come già detto jil % di Sachuma; nel cui regno venne ilV. maefiro Francefco la prima voltai che gmjeal Giappone, doue fi fecero alcuni Chridiani. Ma ejfendo il % poco amico della legge di DiojiT il regno pieno de Bon^i molto potenti in quel paefes quantùnque più volte habbino procurato i padri pajjar più oltre in quella, Cbriftianità hanno però fatto po

  • 1 co profittai