Pagina:Alcune lettere delle cose del Giappone. Dell'anno 1579. insino al 1581, 1584.djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6 L E T T E R A

[versione diplomatica]

Il modo di viuere de noſtri in queſte parti è ſtare in vna continoua peregrinatone, circondati ſempre da pericoli di morte: percioche hauendo ciaſcuna Reſidenza adoſſo di ſe molte chieſe, e luochi, è neceſſario che vadano continouamente peregrinando da vn luoco all'altro, viſitando le chieſe e li Chriſtiani: il che non è di picciolo trauaglio; particolarmente in paeſi tanto freddi, con tanta neue l'inuerno, & l'eſtate con tanti caldi e piogge; oltre di ciò eſſendo tutto'l Giappone inuiluppato e pieno di tante guerre, e mutationi, che non stà mai in vn medemo ſtato. Nel mezzo di tanti nemici, & di tante perſecutioni, che ſi vanno imaginando i Bonzi, & altri gentili, ci trouiamo alle volte molto alle strette, coſi per mare come per terra di nemici, e di ladri: in luochi di tante falſità, & calunnie, che ci appongono i gentili, & le perſecutioni di fuoco, e di arme, che vanno ſempre per tutto doue è guerra: che non viuono i noſtri quaſi mai queti, & ripoſati: vedendoſi ben iſpeſſo circondati dalla morte d'ogni canto. Con tutto ciò N. S. con ſua diuina prouidenza li guarda, e conſerua: e queſto è puramente opera di Dio, eſſendo che li Giapponeſi fanno tāto poco caſo di vccidere vn'huomo di qualſiuoglia ſtato, quāto fariano di vccidere tante formiche; & perciò la maggior parte di loro morono à fil di ſpada. Tuttauia ancorche molte volte i noſtri ſi vedaano nelle mani de'nemici, fin à queſt'hora nō ha permeſſo il Signore che ſi sfodraſſe pur vna ſpada ſopra di loro. Et queſto auuiene, ò perche noi nō la meritia


[versione critica]

Il modo di vivere de nostri in queste parti è stare in una continova peregrinatone, circondati sempre da pericoli di morte: percioche havendo ciascuna Residenza adosso di se molte chiese, e luochi, è necessario che vadano continovamente peregrinando da un luoco all'altro, visitando le chiese e li Christiani: il che non è di picciolo travaglio; particolarmente in paesi tanto freddi, con tanta neve l'inverno, et l'estate con tanti caldi e piogge; oltre di ciò essendo tutto'l Giappone inviluppato e pieno di tante guerre, e mutationi, che non stà mai in un medemo stato. Nel mezzo di tanti nemici, et di tante persecutioni, che si vanno imaginando i Bonzi, et altri gentili, ci troviamo alle volte molto alle strette, cosi per mare come per terra di nemici, e di ladri: in luochi di tante falsità, et calunnie, che ci appongono i gentili, et le persecutioni di fuoco, e di arme, che vanno sempre per tutto dove è guerra: che non vivono i nostri quasi mai queti, et riposati: vedendosi ben ispesso circondati dalla morte d'ogni canto. Con tutto ciò N. S. con sua divina providenza li guarda, e conserva: e questo è puramente opera di Dio, essendo che li Giapponesi fanno tanto poco caso di uccidere un'huomo di qualsivoglia stato, quanto fariano di uccidere tante formiche; et perciò la maggior parte di loro morono à fil di spada. Tuttavia ancorche molte volte i nostri si vedaano nelle mani de'nemici, fin à quest'hora non ha permesso il Signore che si sfodrasse pur una spada sopra di loro. Et questo avviene, ò perche noi non la meritia


mo,