Pagina:Alcuni discorsi sulla botanica.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

89

danza quasi letterale tra loro in più di un luogo, del pari ne sembra, che una gran parte degli errori, di che Plinio si appunta, vogliono essere messi a carico degli scrittori, che lo precorsero. E sebbene non si possa negare, che il naturalista romano quanto a vedute generali e potenza di sintesi non raggiunga a gran pezza Aristotile e Teofrasto, è pur forza confessare, semprechè volga l’acume della mente al complesso delle forze, che operano sul creato, all’ordine, che modera l’universo, gli sgorga dall’animo poderosa, profonda e veramente inspirata la parola. Che se la sua storia ebbe sì grande influenza per tutta l’età di mezzo, e anche oggidì trova sì caldi ammiratori, non v’ha di che meravigliare, dove si consideri, che molte delle descrizioni di Plinio sono un modello di precisione e di eleganza, che il suo stile, quantunque ineguale e tal fiata acre e corruccioso, è però sempre vario, robusto, ornato, immaginoso e fin sublime, e che tale e tanta è la copia delle notizie, dei fatti, delle osservazioni depositate nella sua opera, che senza di essa gran parte del sapere antico ci sarebbe affatto ignoto. E dappoichè quasi tutte le opere, che Plinio spogliò, andarono miseramente perdute, quando egli non ce ne avesse conservata a così dire la sostanza, quanto minor tesoro possederemmo noi e di lingua latina, e di cognizioni naturali!

Non sappiamo chiudere questa epoca della storia antica della botanica senza toccare per ultimo