Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/335

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Elettra.

Notte! funesta, atroce, orribil notte,

presente ognora al mio pensiero! ogni anno,
oggi ha due lustri, ritornar ti veggio
vestita d’atre tenebre di sangue;
eppur quel sangue, ch’espiar ti debbe,
finor non scorre. — Oh rimembranza! Oh vista!
Agamennón, misero padre! in queste
soglie svenato io ti vedea; svenato;
e per qual mano! — O notte, almen mi scorgi
non vista, al sacro avello. Ah! pur ch’Egisto,
pria che raggiorni, a disturbar non venga
il mio pianto, che al cenere paterno
misera reco in annual tributo!
Tributo, il sol ch’io dar per or ti possa,
di pianto, o padre, e di non morta speme
di possibil vendetta. Ah! sí; tel giuro:
se in Argo io vivo, entro tua reggia, al fianco
d’iniqua madre, e d’un Egisto io schiava,
null’altro fammi ancor soffrir tal vita,
che la speranza di vendetta. È lungi,
ma vivo, Oreste. Io ti salvai, fratello;
a te mi serbo; infin che sorga il giorno,
che tu, non pianto, ma sangue nemico
scorrer farai sulla paterna tomba.