Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/358

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 oreste

Cliten.  Che piú?

Elet.  Me lassa!...
che fia, se incontra or pria d’Egisto il figlio?


SCENA SECONDA

Clitennestra.

Me stessa invan cerco ingannar...


SCENA TERZA

Clitennestra, Oreste e Pilade in disparte.

Oreste  Non giunge,

mai non giunge costui?
Pilade  Dove t’inoltri?
Cliten. Amo Egisto, pur troppo!...
Oreste  Egisto? Oh voce!
chi veggio? è dessa: io la rimembro ancora.
Pilade Vieni; che fai? t’arrétra.
Cliten.  Agli occhi miei
chi si appresenta? Oh! chi se’ tu?
Pilade  Deh! scusa
il nostro ardir; stranieri noi, tropp’oltre
veniamo or forse: al non saper lo ascrivi,
ad altro no.
Cliten.  Chi siete?
Oreste  In Argo...
Pilade  Nati
non siamo...
Oreste  E non d’Egisto...
Pilade  Al re ci manda
di Focida il signor...
Oreste  Se quí re...
Pilade  Quindi,