Pagina:Alfieri - Vita, I, Londra, 1804.djvu/124

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 VITA DI VITTORIO ALFIERI


[1767] sordida avarizia. Ed andò questa tant’oltre, cha non solo non andava piò a visitare nessuna. delle curiosità di Roma per non dare le mancie, ma anche al mio fidato e diletto Ella, procrastinandolo d’un giorno in un altro, io venni a negargli i danari del suo salario e vitto, a segno ch’egli mi si protestò ch’io lo sforzerei a rubarmeli per campare. Allora, di mal animo, glie li diedi.

Rimpicciolito così di mente e di cuore, partii verso i primi di Maggio alla volta di Venezia; e la mia meschinità mi fece prendere il vetturino, ancorché io abborrissi quel passo mulare: ma pure il divario tra la posta e la vettura essendo si grande, io mi vi sottoposi, e mi avviai bestemmiando. Io lasciava nel Calesse Elia col servitore, e me n’andava cavalcando un umile ronzino, che ad ogni terzo passo inciampava; onde io faceva quasi tutta la strada a piedi, conteggiando così sottovoce e su le dita della mano quanto mi costerebbero quei dieci o dodici giorni di viaggio; quanto, un mese di soggiorno in Venezia;.quanto sarebbe il risparmio all’uscir d’Italia; e quanto questa cosa, e quanto quell’altra; e mi logorava il cuore e il cervello in cotali sudicerie.

Il Vetturino era patteggiato da me sino a