Pagina:Alfieri - Vita, I, Londra, 1804.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134 VITA DI VITTORIO ALFIERI


[1767] quelle due imtttensità abbellite anche molto dai raggi del Sole che si tuffava nell’onde, io mi passava un’ora di delizie failtasticando; e quivi avrei composte molte poesie, se iò avessi saputo scrivere o in rima o in prosa in una Iìbh gua qual che si fosse.

Ma tediatomi purè anche del soggiorno di Marsiglia, perchè ogni cosa presto tedia gli oziosi; ed incalzato ferocemente dalla fre nesia di Parigi; partii verso il 10 d’Agosto, e più come fuggitivo che come viaggiatore, andai notte e giorno senza posarmi sino a Lione. Non Aix col suo magnifico e ridente passeggiò; non Avignone, già sede Papale, e tomba della celebre Laura; non ’V’alchiusa, stanza già si gran tempo del nostro divino Petrarca; nulla mi potea distornare dall’andar dritto a guisa di saetta in verso Parigi. In Lione la stanchezza mi fece trattenere due notti e un giorno; e ripartitone con lo stesso furore, in meno di tre giorni per la via della Borgogna mi condussi in Parigi.