Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
196 visione

Sì ch’io credei di rara fede un pegno
     Sciorme dal fido Sposo, e di lui farme
     216Presso al gran Padre mio scudo e sostegno.
Or chi potrà viva un’immagin darme
     Del mio Real Consorte, o con un lieve
     219Sogno dinanzi a lui misera trarme?
Conforto a me fra la procella greve
     De’ mali miei fora un sol guardo, e un solo
     222Accento suo, benché sognato e breve.
Ei non presago di cotanto duolo
     Le impresse in carte forse attende e spera
     225Amiche note dal mio patrio suolo:
Ma oimè! ch’altra vedrà squallida e nera
     Lettera nunzia d’immaturo fine
     228Segnata a lutto da funébre cera.
Con quai d’acerbo affanno acute spine
     Trafiggerallo Amor, che forze piglia
     231Quanto più avvien, che nel martìr s’affine!
Qual rimarrà la sconsolata Figlia
     Nel punto infausto, e quanta fonte amara
     234Le pioverà dalle pietose ciglia!
Ah di me parte sfortunata e cara!
     Io già t’avea pel marital tuo letto
     237Destata face oltre ogni lume chiara,
Per cui fra quanti eletti fùr più eletto
     Vincol di sacro Amor te stringa, e aduni
     240Gloria e delizia nel pudico petto;
Or poiché Morte i fiori cangia in pruni,
     Del nuzìal serto gemmato in vece
     243Vestirai l’atre lane e i veli bruni.
Deh! qual mio voto, o lagrimevol prece
     Impetra a me, che con le mie t’annodi
     246Braccia, finché piegarle ancor mi lece?