Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
214

VISIONE XI.




DELLA VANITÀ

DELLA

BELLEZZA TERRENA

PER LA MORTE

D'AMENNIRA.





L’alma, in cui d’ogni corpo immagin nasce
     Pe’ sensi, e col desìo cresce, e diventa
     3Esca di lei, che di pensier si pasce,
Le amate in sè volgea di beltà spenta
     Rare sembianze, onde ragion fu vinta
     6Troppo a cader pronta, e a risorger lenta,
E tal forma affinando al cupo avvinta
     Suo meditar coll’infiammato ingeno:
     9Oimè! Amennira, disse, è dunque estinta!
Tant’ebbe il Ciel gli umani voti a sdegno,
     Che d’eterna coprì nebbia quel volto,
     12Su cui partìan Grazia e Onestade il regno?
Ah! se il bennato Spirto in vaga avvolto
     Spoglia, e concesso in dono ai bassi chiostri,
     15Iimanzi tempo esser dovea ritolto,