Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 annotazioni


P. 51. Mentre, perchè un destin Dio svolga e muti, ec.

Quello, che l'Autore chiama poeticamente destino, altro non è che il suo decreto, il quale, ove non sia condizionato, è sempre immutabile, come si è quello che riguarda il premio eterno dei giusti, o la pena eterna dei reprobi.