Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 visione

Ma tutti alfin, mentre i pensier insani
     Rinvigorìan su l’esecrato lido,
     417Vana mercede avean gli spirti vani;
Chè solo essa al di fuor spargea 1’infido
     Gaudio, né potea mai fra vera speme
     420Dei desir immortali entrar nel nido.
Quindi improvvisa 1’onda, che non freme,
     Rapìali enfiando, o in più terribil guerra
     423Gli assorbìa svelti colle rive insieme.
Metteva il fiume allor per l'ampia terra
     Alto un rimbombo ad assordarne i regni;
     426Poi taciturno proseguia sotterra.
Poiché gli alterni invidi affanni e sdegni
     De’ miseri mirai, gli occhi rivolsi
     429A que’, che il Colle fe’ di pace degni.
Ben della strada inospite mi dolsi
     Guasta da guglie e monumenti infranti;
     432E dai scolpiti in lor nomi raccolsi,
Che de’più alteri Cesari, e di quanti
     Raro ebber tra i mortali onor sublime
     435Semisepolti ivi giacean i vanti.
Sovra la rotta via, fin alle cime
     Stesa del Colle, imprimer dee chi sale
     438L’ultime tracce sue, come le prime;
Perchè sol l’aureo serto e trionfale
     Cinge colui che sul confin estremo
     441Calpesta il fasto della gloria frale.
Quanto diverso da quel popol scemo
     Di virtude era questo! E qual con atti
     444Tranquilli in sé chiudea vigor supremo!
Parean i Viator soave tratti
     Là ’ve serbar non era dato ad essi
     447Dalle taglienti schegge i piedi intatti;