Pagina:Alle porte d'Italia.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i principi d’acaja 35

il tetto a spese proprie a una torre del castello di Moncalieri. — Costava caro, come vedete, concludeva l’esattore, abbassando la voce, era un affar serio habere rem.... sotto i principi d’Acaja.



Eravamo rimasti al secondo piano, mi pare.... Al terzo non c’è da vedere che la stanzina di studio del direttore, il quale, senz’avere una grande biblioteca, possiede senza dubbio molti più libri di quanti n’abbiano mai letto tutti insieme in cento e vent’anni i quattro Principi della casa d’Acaja. Tutt’in giro a quest’ultimo piano pare che ricorresse una loggia, sulla quale forse si drizzava una merlatura simile a quella degli altri muri. Le Principesse, probabilmente, stavano qui la sera a godere l’aria dei monti, con le figliuole; e qui forse trapunsero le prime ciarpe da torneamenti, fantasticando sul proprio avvenire, Margheritina, la piccola greca, figliola d’Isabella, e la bimba Eleonora, e Alasia ricciuta, e Melchide sposa futura dell’Elettor di Baviera. Da questa grande altezza, quasi librate nell’azzurro, vedevan lì sotto, a pochi passi, la bella chiesa di San Francesco, dove riposavano i loro padri e i loro fratelli, e di cui non esiste più traccia; e tutt’intorno, Pinerolo con le sue mura merlate e coi suoi ponti a levatoio, e il viavai delle sentinelle sugli spaldi delle torri, rispecchiate dall’acque immobili dei fossi. E con un solo giro dello sguardo potevano abbracciare quasi intero il Piemonte, centinaia di bor-