Pagina:Aminta.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Scena Seconda. 81

Se non la sdegnerai:
E morirei contento,
S’io fossi certo almeno,
Che’l mio venirti dietro
Turbar non ti dovesse,
E che fosse finita
L’ira tua con la vita:
Silvia, io ti seguo: io vengo. Così detto,
Precipitossi d’alto
Co ’l capo in giuso, et io restai di ghiaccio.

Dafne
Misero Aminta. Silvia Ohime.
Choro
Perche non l’impedisti?

Forse, ti fù ritegno à ritenerlo
Il fatto giuramento?

Nuncio
Questo nò, che, sprezzando i giuramenti,

Vani forse in tal caso,
Quand’io m’accorsi del suo pazzo, et empio
Proponimento, con la man vi corsi,
E, come volse la sua dura sorte,
Lo presi in questa fascia di zendado
Che lo cingeva, la qual non potendo
L’impeto, e’l peso sostener del corpo,
Che s’era tutto abandonato, in mano
Spezzata mi rimase. Choro E che divenne
De l’infelice corpo? Nuncio Io no’l sò dire,
Ch’era sì pien d’horrore, e di pietate,
Che non mi diede il cor di rimirarvi,
Per non vederlo in pezzi. Choro O strano caso.

Silvia
Ohime, ben son di sasso,

Poi che questa novella non m’uccide.


D     5 Ahi,