Pagina:Amor disarmato.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14

     Quei, che aveano il desio corrispondente
Al desiato suo giungeano tosto:
Ma ad alcuno accadea d’amar sovente
Tal, che avea in altri il suo disegno posto,
45E perch’era l’amor vero, e fervente,
E il dolor rendea l’animo disposto,
I rivali venian con dura sorte,
Spesso ad arme, a ferite, a sangue, a morte.

     Quivi occorrea, che Amor, siccome il Sole,
50Penetrando co’ rai dentro il terreno,
Gli dà virtù, che concepir vi suole
Fior delicati, e fresche erbette appieno:
Tal egli con sue fiamme interne, e sole,
Penetrando degl’uomini nel seno,
55Lor porgea tal valor, che d’onor degni
Fea germogliar mille felici ingegni.

     Questi s’udian con chiari e dolci stili,
Del cor gli affetti esprimere diversi:
Fiorian da questi l’opere gentili,
60Le dolci rime, e i leggiadretti versi.
Lontani da’ pensieri ingrati, e vili,
Gl’intelletti purgati erano, e tersi,
Che ciascun per gradire a chi più amava,
A gara onori, e meriti acquistava.