Pagina:Anime oneste.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 le nozze

st’anno ho avuto dei disastri, e che giusto quest’anno una tua sorella deve uscire decentemente di casa.„

In realtà Angela, dopo le prime mille lire, non gli aveva più chiesto un centesimo.

E già quasi tutto il corredo era pronto, già le stoffe dei vestiti erano commissionate ad una Casa di buoni tessuti italiani. Li avrebbe confezionati a Sassari una brava sarta di moda.

I vestiti arrivarono qualche settimana prima di Pasqua, giusto il giorno in cui Angela guarniva l’ultima cuffietta.

— Apro io? — domandò Anna posando le mani sulla cassa sottile di legno bianco.

Ma Angela la respinse dolcemente e aprì la cassa con un fremito nelle dita. A poco a poco, e senza che ella se ne accorgesse, tutti quei di casa si trovarono intorno, zitti e curiosi.

Angela sollevò il coperchio quasi religiosamente, poi mandò in aria una nuvola di carta bianca, trasparente e profumata. Venne fuori l’abito da sposa; era intero, forma principessa, di raso color paglia, tutto merletti di