Pagina:Anime oneste.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 le nozze

dava alla sposa un’aria di regina. Angela non portava velo. Quasi tutte le spose signorili sarde, specialmente nelle piccole città e nei villaggi, non si adornano del velo rituale.

Finita la cerimonia, il vescovo fece un lungo sermone agli sposi. Ma Angela non ne capì un’acca; le pareva di essere sospesa tra cielo e terra.

Le sfuggiva persino la visione di lui, di una bellezza fine e aristocratica, nell’abito nero che faceva meglio risaltare la sua dolce fisonomia di biondo. Ella si chiedeva chi l’aveva condotta là, chi l’aveva vestita così? E cosa volevano tutti quei signori a capo scoperto, e quelle signore dagli occhi lucenti che la circondavano?

Dalla sala tiepida di Monsignore, si passò a quella, gelidissima, del Municipio.

Una grande tenerezza invase la sposa quando mise la sua dopo la firma di suo marito. Sollevando la testa lo guardò. Quanta fede, quanta dolcezza, quanta speranza e quale misterioso turbamento in quel supremo sguardo! Pietro sentì ogni cosa, e nel ritornare a casa, tra la