Pagina:Anime oneste.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
158 comincia il dramma


Ma la lettura spirituale finì col rattristarla di più. Molti versetti la colpivano amaramente rappresentando in qualche modo lo stato dell’anima sua e la sua umiliazione.

“Povero son io ed in affanni sin dalla mia prima età; cresciuto poi fui umiliato e depresso.”

Caterina venne a sedersele vicina e la disturbò coi suoi scherzi. Anna non rispose; con amara fissazione lesse e rilesse il famoso versetto. Sì, veramente era adatto per lei!

La prese una intensa amarezza, le sembrò che anche Caterina sapesse il suo segreto e la deridesse.

Chiuse il sacro libro, rientrò e preparò il caffè, che usavasi pigliare due ore dopo la colazione. Quando lo portò a Paolo Velèna, egli le chiese se aveva piacere di scrivere.

E le diede a copiare due lettere.

— Io esco, a cavallo, — disse.

Mise la firma sua dove le lettere avrebbero dovuto finire, e uscì con Anna che riportava via il vassoio.

Poco dopo Anna rientrò e sedette davanti allo scrittojo, ma non aveva punto voglia di