Pagina:Anime oneste.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 l’arrivo


— No. E non so leggere e scrivere ora? È meglio che mi mettano a cucire o a soffiare il fuoco.

— A soffiare il fuoco? E perchè?

Annicca non seppe spiegarlo. Vide una beccaccia svolazzare da una macchia e cominciò a battere le manine pregando lo zio di sparare.

Paolo scese di carrozza e la contentò.

— Peccato che non abbia meco il cane! — disse anzi. — Ci devono essere molte beccacce qui.

Era un terreno paludoso, coperto di macchie d’oleandro e di sambuchi.

Annicca volle scendere e si inzaccherò tutta quanta.

— Sgridatemi, — disse tornando verso Paolo, — ho fatto da cattiva.... Ah, se ci fosse stata mia nonna!

— È nulla, lascia stare. Il sole asciugherà ogni cosa, — rispose Paolo.

Ripresero il viaggio. A poco a poco Annicca si addormentò nell’angolo morbido della carrozza, e nel sonno Paolo la sentì mormorare.