Pagina:Anime oneste.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo d’anno 229


Dopo l’antipasto, di salami e tonno sott’olio, s’era mangiata rapidamente la minestra, e Antonino aveva detto:

— Così si mangia a Fonni; si mangiano le vivande mentre scottano.

— Ma io mi sono scottato, — gridò Nennele aprendo la bocca.

La madre gli accennò con gli occhi di star zitto, ma egli continuò a dire sciocchezze. Gonario rideva sempre.

Dopo la minestra fu servito il lesso con olive secche e minuscoli pomidoro verdi sotto aceto; poi maccheroni gialli, arrosto con rafani, e poi del riso ancora giallo con uccelletti sulla cui crosta rosolata si stendeva lo strato giallo del riso.

Possibile, — borbottò Cesario rivolto alla madre, — possibile che non si possa mangiare nulla senza zafferano?...

Maria parve mortificata, ma Gonario disse che lo zafferano stava bene su certe vivande.

E Lucia disse con semplicità:

— È una droga. Noi non usiamo altre droghe, tranne un po’ di pepe su certe verdure.