Pagina:Anime oneste.djvu/250

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
236 capo d’anno


Col biglietto in mano Antonino sorrise e rispose:

— No, di’ prima chi è l’uomo.

— No, leggi prima tu.

Ma Antonino si ostinò, Anna disse:

— È un grand’uomo. È Nennele Velèna!

Antonino scoppiò a ridere. Il suo fogliettino era bianco: Nennele non trovava moglie!

Si fece un mondo di scherzi, e Nennele si offese.

Anna riuscì sposa a un usciere, Lucia a un giudice, Antonino venne fuori con... Caterina!

— Oh, perbacco, questa è grossa! — Nennele si vendicò, ridendo pazzamente; ma Antonino strappò stizzito il biglietto dalle mani di Anna, e lo bruciò alla fiamma del lume.

Gonario rimise Caterina entro il cappello e il sorteggio fu ripreso. Perchè il numero fosse giusto venne rimesso un biglietto bianco fra i giovinotti. Anna indovinò la voglia matta che Caterina aveva di riuscir con Gonario, e cercò di contentarla.

— E tu non vieni mai fuori? — domandò rivolta a Gonario la fidanzata.