Pagina:Anime oneste.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 la lontananza


— Sì, — rispose Anna, — io credevo che stessero fidanzati almeno uno o due anni. — È così ragazzina tua sorella!

E rise, all’idea di Caterina padrona di casa, Caterina che giocava ancora con Nennele, che piangeva per cose da nulla. Poi esclamò:

— Ma è proprio vero? Chi te l’ha detto?

— Mamma. È venuto il padre di Gonario, non l’hai veduta stamane?

— Sì. È venuto per ciò?

— Sì. E hanno deciso così.

— Ma possibile, e tua madre ha acconsentito? — esclamò Anna, sempre meravigliata. Poi, procurando di mostrarsi indifferente, disse: — chi sa che in questi sei mesi Caterina impari qualche cosa. Egli è abbastanza ricco per circondarla di serve, ma questo non basta, in una casa tanto grande, tanto sola. Le serve comanderanno; lei obbedirà, come ora obbediscono Gonario e suo padre....

— Ah, ah, tu non sai! — esclamò Lucia con una risatina amara.

— Nennele! gridò poi, — metti giù quella pietra! Ma... dico, vuoi sentirmi? Nennele, non