Pagina:Anime oneste.djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 le anime oneste

vanni si mise a strillare, piangendo a grosse lagrime.

— Lo vedi! — esclamò Caterina. — È cattivo, cattivo e cattivo!...

— Perchè è cattiva anche sua madre!

Caterina chinò la testa e non rispose; ma a un tratto Anna s’accorse che piangeva assieme al piccino.

— Se tu restassi con me, — mormorò Caterina, — io diventerei buona.... forse....

— Resterò, sicuro che resterò....

Parlarono a lungo di Cesario e di Sebastiano.

Quest’ultimo viveva sempre a San Giacomo. Veniva spesso in città per sbrigare gli affari della famiglia, giacchè Paolo Velèna era sempre occupato nei suoi commerci, e Gonario Rosa se ne lavava le mani volontieri.

Del resto Anna sapeva tutte queste cose. Sapeva che Sebastiano non solo s’era rappacificato con la famiglia e con Gonario, ma aveva persino tenuto al battesimo il piccolo Giovanni. Come la maggior parte degli avvocati, Gonario e Cesario non avevano nè affari nè clienti. Gonario era abbastanza ricco