Pagina:Anime oneste.djvu/324

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 le anime oneste


Si sentiva, nel loro canto, il gorgheggio di fontane cristalline, il trillo di chitarre lontane, il profumo dei ciclamini e delle edere bagnate di fresche rugiade. Anna e Sebastiano camminavano sempre, senza parlare.

Poi improvvisamente, dopo una piccola scorciatoia, si trovarono al confine del bosco, vicini ad un muro basso coperto d’erbe.

— Sei stanca? — domandò Sebastiano.

E fece sedere un po’ la fanciulla, ch’era tutta rosea in viso, un po’ stanca davvero.

Anch’egli sedette. Il sole era tramontato; al di sopra delle montagne lontane splendevano larghe fasce d’oro, listate di rosa; al di là del muro scendeva il giovine uliveto.

Gli ulivi erano piccoli ancora, teneri, delicati. S’inclinavano sulla china come virgulti di pianticelle nane, e avevano il colore pallido e polveroso della ruta. Sebastiano li guardò con amore e indicò alla cugina il sito ove avrebbe fabbricato il molino.

Ripresero la via. Col tramonto del sole era cessata la brezza, e già presentivasi la gran pace del vespro.