Pagina:Annalena Bilsini.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —


— Non bisogna ridere, di certe cose. Anch’io, fino a poco tempo fa, ridevo di tutto, e non capivo niente. Eppure non ero contento, come sono contento adesso che vedo la strada diritta davanti a me.

— Quale sarebbe?

— La strada che conduce alla salute eterna. Quella che ci è stata indicata da Cristo, venuto nel mondo e morto per amore nostro. La salvezza dell’anima, insomma.

Quell’«insomma», alquanto impaziente, voleva significare: ma che razza di cristiana sei, se non capisci queste cose?

E Lia se ne senti un po’ scossa: domandò:

— Ma davvero ti farai prete?

— Se potessi, sì. Per diventare preti bisogna studiare, e per studiare occorre essere signori: noi invece siamo poveri, e la famiglia ha bisogno di me, del mio lavoro. Ma lavorando si serve il Signore. E l’esser poveri, — egli aggiunse, perchè alla ricca fanciulla non venisse in mente di compassionarlo, — avvicina a Dio. Egli pensa a noi, più che ai ricchi, egli che dà il cibo agli uccelli e veste come i re i gigli dei campi. E lo stesso Gesù disse: entrerà più facilmente un cammello nella cruna d’un ago che un ricco nel regno dei cieli.