Pagina:Annalena Bilsini.djvu/292

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 282 —

e attraverso la sedia abbracciò vigorosamente la donna.

Ed il gruppo parve così grottesco che tutti scoppiarono a ridere.

Il parroco grasso si volse in là per sputare dentro il suo fazzoletto; poi fece una proposta.

— E allora si beva alla salute dei futuri proprietari.

I bicchieri furono in un attimo colmi di lambrusco violetto ribollente di spuma rosea; s’incrociarono e tinnirono sopra la tavola: uno fu rovesciato sulla tovaglia che parve incendiarsi: e la macchia fu come il sigillo sulla promessa della buona fortuna.




FINE