Pagina:Annalena Bilsini.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 45 —

nel sonno, ed il giorno dopo assegnava loro, per castigo, una doppia razione di lavoro.

Per quella sera però si fece eccezione: i ragazzi perlustravano i dintorni del podere, e lo zio e gli altri si attardavano a chiacchierare nella cucina: ella andò a letto, stanca; e sognò di continuare la giornata: rimetteva in ordine la nuova casa, ma gli oggetti le si movevano ed ammucchiavano attorno, con strane inversioni; nel paiuolo per la polenta bolliva del vino, la caffettiera era piena di noci, i bambini avevano portato nell’aia le posate e giocavano con esse. E dai sacchi bucati scappavano rivoletti di grano e saltavano i chicchi d’ambra del frumentone, alcuni dei quali camminavano come insetti.

Eppure lei non si sgomentava: anche nel sonno sapeva che tutto doveva rientrare in ordine.

— Si sa, — pensò svegliandosi; — la fatica e le preoccupazioni dànno i cattivi sogni.

Guardò alle finestre e vide ch’era buio ancora: presto quindi per chiamare i figli. Lei però a letto senza dormire non poteva starci; quindi si alzò, scese giù e accese il fuoco.