Pagina:Annali overo Croniche di Trento.djvu/66

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Libro Secondo. 39

gi sono gli confini del Reno, & il Monte Adula, dal quale, ver la parte Settentrionale, scorre il sudetto Fiume, dalla parte opposta il Fiume Abdua entra nel Lago Lario presso Como, che perciò altri anco lo chiamano Lago di Umo. Sopra Como alla radice dell’Alpi sono gli Grisoni, poi gli Venoni alla parte meridionale. Dall’altra parte habitano li Lepontij, Trentini, Stani, & molte altre nationi Italiane. Tolomeo pose gli Lepontij nelle Alpi Cottie, gli Centroni Cathurigi, & gli Secutiani nelle Alpi Greche.

Da quanto habbiamo detto chiaramente si vede, le Alpi Greche risguardare la Francia vicino al Principio del Fiume Rodano, & il Monte Penino piegarsi all’Oriente, col stendersi fino al principio del Fiume Licio.

A sufficienza hormai s’hà veduto non esser le medeme le Greche, & Penine Alpi, ne esser venuto Anibale per le Greche in Italia, manco haver potutto condure Esercito si numeroso, con bagagli, & arme per il Monte Penino, resta dunque sij venuto, ò per le selve Taurine, ò per l’Alpi Penine. In conformità bisogna dire consequentemente, che l’Alpi Penine sijno discoste dal Monte Penino, conducono quelle (come vuole Plinio) per le bocche, & aperture, dirimpeto à Salassij in Italia. Il Penino per li Monti Trentini. Molti in ciò son restati inganati, han creduto esser l’istesso Monte, l’Alpi Penine, & il Penino; Nacquero per tal causa frà Scrittori diversi contrasti, & dispute, il che per l’ambiguità de’ luoghi, partorì non poca oscurità à quelli che leggono. Altri han volsuto, che à quel tempo si sij stato celebre il nome de Cartaginesi, quali invasero Roma, che non solo habbino dato il lor nome à luoghi per dove passavano, ma ancora à tutte le Alpi spetanti all’Italia.

Quivi forsi, havendo l’occhio Servio, etimologiò il Monte Apenino, quali Alpi del Peno, cioè del Cartaginese. Quando volessimo frapore la nostra opinione, & diffendere per qual parte sij penetrato in Italia Annibale, non potressimo raggionevolmente se non dire sij venuto per le Alpi Penine.

Livio è d’opinione non esser le Penine cosi state dette dal passaggio de Africani, ne d’altre nationi, hebbero (dice egli) tal nome da un fiero, & crudel habitatore di quelle Cime. Ciò aiuta l’opinione di quelli che contendono Annibale non esser passsato per l’Alpi Penine.

Altri scrivono il Monte Penino, qual dicessimo condure in Italia per le Boscaglie Trentine, non haver sortito tal nome dal