Pagina:Anonimo - Matematiche Fascicolo secondo, 1838.djvu/24

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24

denotare che è il più piccolo possibile, dicesi Residuo.

Apparisce pertanto da ciò che precede, che la Divisione è una operazione più rapida della Sottrazione propriamente detta, ed anche più efficace, in quanto che riferendosi al caso in cui la grandezza de’ diminutori, uguali e dati di numero, non è assegnata, fa sì che riescano essi della maggior grandezza possibile, onde venendo sottratti tutti dal diminuendo lo esauriscano più da vicino d’un egual numero di altri, lasciando il più piccolo resto possibile.

Del rimanente se si riflette, che il quoziente, una volta che fosse trovato, moltiplicato pel divisore, ci darebbe il medesimo prodotto, che il divisore stesso moltiplicato per lui, ci persuaderemo facilmente che la Divisione, (prescindendo sempre dal Residuo), invece di servire alla ricerca del numero il più grande possibile, contenuto un numero dato di volte in un numero proposto, può egualmente servire alla ricerca del più gran numero di volte possibile, che un numero dato sia contenuto nello stesso proposto numero.

Generalmente, prescindendo dal residuo, la divisione può risolvere la seguente questione.

«Proposto un numero come prodotto di due fattori, e dato uno di questi fattori, determinar l'altro;