Pagina:Antichi monumenti di Siracusa.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

X    21    X

riente; e Occidente, e la Metropoli Siracusa resta sotto gl’imperatori Greci di Oriente, o sia di Costantinopoli. Cessa ogni divisione, con considerarsi la Sicilia una sola Provincia, governata da un Patrizio, detto Strategò, o Spatario, che dimora in Siracusa. Nell’anno 361. Giuliano Apostata promulgar fa in Siracusa per mezzo d’una sua lettera la legge del Corso Publico.

440.

I Vandali fra questo tempo invadon Siracusa, e vien da loro governata, restando sempre la città capitale dell’isola.

493.

Ai Vandali succedono i Goti, e passa indi Siracusa sotto la di loro signoria, che la governano per un Conte.

535.

Belifario, Capitano dell’imperator Giustiniano d’Oriente, caccia i Goti, ed entra in Siracusa l’ultimo giorno di Dicembre, facendo spargere, dice Procopio, delle monete d’oro, e di nuovo ritorna sotto il governo degl’imperatori di Costahtinopoli. Verso questo tempo il patrimonio della Chiesa romana in Sicilia era diviso in due Territorj, cioè Siracusano, e Palermitano. Ripigliata dai Romani ― Greci vi mandano il loro Governatore, detto ora Patrizio, ora Strategò, e ora Spatario, che risiede in Si-