Pagina:Antigone.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO QUINTO. 315


 Tarda pietà?... Portala altrove...tratti
Dagli occhj miei; non funestar mia morte....
Ecco i’ ti rendo il sangue tuo; meglio era
Non darmel mai.

Creonte.

     Figlio...n’attesto il Cielo..
Mai non credei, che un folle amor t’avria 160
Contro te stesso....

Emone.

     ....Và, cessa; non farmi
Fra disperate imprecazioni orrende
Finir miei giorni. I’ ti fui Figlio in vita....
Così te Padre avuto avessi!....

Creonte.

             O Figlio....

Emone.

 Te fra’ rimorsi, e nel dolor io lascio. - 165
Amici, ultimo ufficio.... il moribondo
Mio corpo esangue d’Antigone al fianco
Traete.... là voglio esalar l’estremo....
Spirto vital....